I cerchi delle streghe nicola pistoresi

IIn aprile,  tra  le primule e i  bucaneve, nei prati di  montagna, può succedere di vedere erba più verde, seminata a cerchio.

In prati  di alpeggio  , prati da molti anni non più lavorati , è possibile vedere queste formazioni , questi stranissimi cerchi/semicerchi di vegetazione in mezzo a campi aridi.

Sono i cosiddetti cerchi delle streghe.



Io  sono stato attratto all'inizio dal fenomeno suggestivo, spinto dalla ricerca dei funghi da Gian Luca Pistoresi, che oltre ad essere un avvocato e un uomo eccezionale, è stato  uno speciale  maestro di vita e di passioni......oltre che un papà meraviglioso.

Ho attraversato selve , salito montagne, camminato tra stipe e  felci,  sotto spinose prunache e folte ginestre , per raggiungere fungaie "vergini" e per darne sempre più una razionale risposta....questa passione trasmessa, nei boschi fin da quando avevo quattro anni.
-----------------------------------------------------------



Molte sono le fantasie e le leggende sui "cerchi"..

Si diceva nel medio Evo che l'erba , distribuita così regolarmente in cerchio, fosse erba stregata, per questo motivo non brucata dagli animali in pascolo.
Shakespeare nella  "Tempesta" li ha citati attribuendo il fenomeno a passaggi e danze notturne,  di folletti, elfi e fate dei boschi.

La bellezza del fenomeno è che, si possono notare soltanto in poche settimane dell'anno , quando la stagione  apre le porte alla nuova,   ai profumi e alla nuova vegetazione e ai fiori.

 

La meraviglia che colpisce anche il neofita ignorante del fenomeno, è che ai margini di questi cerchi, nascono funghi , in cerchio o semicerchio.

Questo rende il fenomeno ancora più spettacolare  e suggestivo  .


(sono chiamati anche  funghi delle streghe perchè alcuni esemplari come l'amanita Muscaria , velonosa , ma cucinata con particolari accorgimenti, dà effetti allucinogeni.)

 Si può morire o rimanere gravemente intossicati, soprattutto se non si sa come trattarla, non la consumate mai, soprattutto cruda. Comunque dovete provare ad immaginare il piacere di trovare intatto un simile fenomeno naturale.


 

-----------------------------------------------------------------

Secondo la tesi scientifica prevalente , il fenomeno è  dovuto a miceli , a spore,  che una volta formate,  tendono a propagarsi attraverso  terminazioni periferiche formando un cerchio simile a quello provocato da un corpo solido gettato in una massa liquida.



Al centro  la terra rimane arida,  perchè il micelio decomposto e svuotato dalle sostanze nutritive  rappresenta un elemento  tossico.

All'esterno la vita corre e si propaga.



Si forma così un cerchio di verde vigorosa erba, dalle profonde radici che si espandono verticalmente,  resistendo anche ai freddi venti sotto zero.

Si allarga  col tempo,  finchè l'opera dell'uomo o eventi naturali, non ne interrompono la propagazione.

Alcuni cerchi delle streghe, visibili soprattutto dall'aereo, con diametro di oltre 70 metri, negli Stati Uniti , si sostiene  che abbiano  più di cento anni .

----------------------------------------------------------------

La causa iniziale della formazione del micelio non è certa.

Moltissime le fantasie e le storie che , a mio avviso, non hanno niente di vero.

Tornando alla spiegazione scientifica, io ritengo che possa trattarsi di miceli stimolati da residui organici, la cui vita è alimentata da simbiosi con particolari elementi vegetativi presenti nelle vicinanze e per questo un fenomeno raro e di difficile studio.

Una volta formato il micelio,   si propaga in maniera autonoma, autosufficiente, anche quando l'azoto originario e la pianta "allevatrice", non c'è più, e non può più testimoniare la sua paternità.

Questo rende il fenomeno ancora più misterioso, difficilmente spiegabile .


Foto funghi
Nicola pistoresi

Le specie fungine   protagoniste di un tale fenomeno sono in Europa: sono soprattutto l'amanita Muscaria, ma in genere tante specie fungine come  i Clitocybe (prugnolo) , i Lepiota (mazza di tamburo), gli Agaricus, i Tricholoma, i Lycoperdon. 

--------------------------------------------------------------------

Non è mia intenzione  , con questa razionale spiegazione, togliere quel velo di mistero che ancora caratterizza questo fenomeno, anzi ..............., le ragioni che mi hanno spinto ad approfondire sono state stimolate da un'esperienza alla quale difficilmente si riesce a credere.....................

Clicca qui*.

 mail@galleriaonilne.it

a cura di: www.nicopist.com

 

 - Nicola Pistoresi 16 marzo 1994..10.1994